Professione Mamma

Essere Mamma: istruzioni per l’uso.

Sapete quando succede che ti dedichi sempre e costantemente con passione alle esigenze dei tuoi figli e a un certo punto qualcosa scatta nel tuo cervello e ti ricordi che oltre ad avere un compagno, un lavoro e dei figli hai anche delle passioni, delle cose che ti piace fare, che appartengono solo a te? E non c’entra nulla con i diversi ruoli che devi ritagliarti durante il giorno. Onestamente non c’entra neanche con il tuo essere donna. E’ proprio qualcosa che hai sempre avuto dentro di te, che può essere la pittura, la musica, la danza, la scrittura, il ricamo, la cucina…non lo so, qualcosa che ti piace fare indipendentemente da ciò che normalmente fai durante il giorno.


Mamma e figlia
Ecco quando viene fuori quella velleità e scopri che riesci anche a farlo benino, allora lo converti in hobby. Un hobby però può coltivarlo solo chi ha tempo di farlo, corretto?

Una mamma può avere il tempo di coltivare un hobby? E se questo determina la sottrazione del tempo prezioso ai propri cari? Allora va da sé che quest’hobby non è conciliabile con la famiglia, con le esigenze dei bimbi e, perché no, del proprio compagno.

Allora la soluzione più immediata è quella di sopprimere una nascente passione per “tutto il resto”.

Qual è il limite che ci indica fino a dove possiamo essere noi stesse, intendo l’essenza senza la responsabilità dei ruoli, e comincia invece poi l’impegno di essere tutto ciò che siamo durante il giorno?

Qual è il giusto compromesso?

Una buona mamma si ritaglia del tempo per sé in presenza dei propri bimbi?

Qualcuno ha risposto, “non importa se non hai tempo per te stessa, la tua ispirazione sono le tue figlie”.

Termino con un dubbio amletico: essere se stesse ed essere mamma sono due sfere in sovrapposizione? A quanto di se stessa bisogna rinunciare per essere mamma? E a quanto dell’essere mamma bisogna rinunciare per essere se stesse?

Su questo tema qualcosa ci ha detto anche la nostra amica Mamma Gambalunga.

Commenti

  1. Una mamma fa compromessi tutti giorni per riuscire a fare tutto e a volte non tutto riesce bene, ma credo che continui ad essere se stessa se riesce a ritagliarsi anche piccoli spazi per sè insieme ai suoi bimbi e, qualche volta, anche senza. Una buona mamma prova, sbaglia e poi continua a provare.

    RispondiElimina
  2. E' vero, a volte è faticoso, soprattutto quando ti imbatti in quelle giornate no (vedi https://ladonnaricciavaincitta.blogspot.it/2018/02/quei-giorni-no.html) ma con un po' di pazienza e di organizzazione si riesce a far tutto!!

    RispondiElimina

Posta un commento